Coscienza ikea

Provare felicità per un divano appena montato. Ecco in che cosa si concretizza una buona fetta dell'autorealizzazione del single o della coppia che come nei telefilm, prende in affitto un appartamento che paga con lo stipendio da precario, va a fare gli aperitivi il venerdì e discute di economia quando c'è il festival dell'economia di Trento. E poi quando entri in una casa Ikea ti viene da chiedere se quei mobili sono stati comprati all'Ikea, e ti viene anche da dire "bello" e "figo" quando ti dicono che è stato pagato solo 29.99 euro perchè era pure in sconto. E se dici che l'Ikea ti fa cagare ti senti pure in colpa, come quando ti invitano al concerto dei Modena City Ramblers o degli Apocrifi e dici che quella musica ti fa cagare e che tu grazie ma non ci vai.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in angolo dello sfogo. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Coscienza ikea

  1. utente anonimo ha detto:

    Giusto! Che misere queste genti che si felicitano di poter arredare il proprio piccolo appartamento in affitto con pochi-soldi-precari e in modo dignitoso.
    Patetico acquistare insieme un divano, montarlo insieme e, soprattutto, esserne felici a lavoro finito! Un vero orrore. E' e resta decisamente più elegante il cassettone in ciliegio di mamma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...